• Se vuoi conoscere...

    ...LA TUA MALATTIA e desideri curarla in modo consapevole,
    puoi navigare all'interno del nostro portale per comprendere meglio
    le patologie, le possibili cure, le tecniche oggi adottabili, oppure,
    semplicemente, per approfondire alcuni aspetti dell'anatomia umana
    che ci caratterizza tutti.
  • L'armonia...

    ...DEGLI ELEMENTI E LA VITALITA' DELL'ESSERE.
    Le malattie dell'apparato genitale e urinario affrontate in collaborazione
    da più Specialisti con formazione ospedaliera ed universitaria,
    utilizzando percorsi diagnostici e terapeutici indicati dalle linee guida
    delle più accreditate Società Urologiche ed Andrologiche nazionali.
  • Informazioni...

    ...CHIARE E CORRETTE sulle principali problematiche
    di natura urologica e andrologica.
    Troverete nel sito solo notizie dettate dai principi di etica che guidano
    la buona pratica professionale, universalmente condivise
    e codificate in campo internazionale.
  • 1
  • 2
  • 3
Martedì, Settembre 26, 2017
Text Size

Istologia (Cancro alla vescica)

Iperplasia uroteliale
Aumento del numero degli strati cellulari senza anomalie cellulari.


Metaplasia epiteliale
Aree focali di trasformazione del normale urotelio. Le forme più frequenti sono la variante squamosa e la ghiandolare o adenomatosa. La metaplasma è espressione di una reazione flogistica di tipo benigno che può comunque evolvere verso forme tumorali.


Displasia uroteliale
Alterazioni epiteliali intermedie tra l’epitelio normale ed il carcinoma in situ. Esistono tre tipi di displasia: lieve, moderata e grave.


Papilloma invertito
Lesione benigna proliferativa determinata da un’infiammazione cronica.


Adenoma nefrogenico
Lesione rara costituita da piccole aree di tessuto molto simile a quello renale.


Leucoplachia vescicale
È definito leucoplasia o leucoplachia il processo di corneificazione di un epitelio che normalmente non produce cheratina.
È sempre una risposta a stimoli irritativi quali cistite cronica, calcoli vescicali, catetere a permanenza.
Evolve in carcinoma a cellule squamose in circa il 20% dei casi.