• Se vuoi conoscere...

    ...LA TUA MALATTIA e desideri curarla in modo consapevole,
    puoi navigare all'interno del nostro portale per comprendere meglio
    le patologie, le possibili cure, le tecniche oggi adottabili, oppure,
    semplicemente, per approfondire alcuni aspetti dell'anatomia umana
    che ci caratterizza tutti.
  • L'armonia...

    ...DEGLI ELEMENTI E LA VITALITA' DELL'ESSERE.
    Le malattie dell'apparato genitale e urinario affrontate in collaborazione
    da più Specialisti con formazione ospedaliera ed universitaria,
    utilizzando percorsi diagnostici e terapeutici indicati dalle linee guida
    delle più accreditate Società Urologiche ed Andrologiche nazionali.
  • Informazioni...

    ...CHIARE E CORRETTE sulle principali problematiche
    di natura urologica e andrologica.
    Troverete nel sito solo notizie dettate dai principi di etica che guidano
    la buona pratica professionale, universalmente condivise
    e codificate in campo internazionale.
  • 1
  • 2
  • 3
Domenica, Novembre 19, 2017
Text Size

Metodi per la diagnosi della DE

Diagnostica

Anamnesi mirata ai fattori di rischio, alle condizioni 
ambientali e caratteriali del soggetto.
Visita.
Esami ematochimici ed assetto ormonale.
Monitoraggio dell’erezione notturna con Sistema Rigiscan.
Monitoraggio dell’erezione real time dopo stimolo farmacologico con Sistema Rigiscan.
Ecocolordoppler basale e dopo stimolo farmacologico dei genitali esterni.
Biotesiometria (screening).
Riflesso Bulbo-Cavenoso (RBC).
Potenziali sacrali evocati (PES).
Rx-cavernosografia.
Cavernosometria.

L’ecocolorpowerdoppler in andrologia

 

L’ecocolordoppler è una apparecchiatura che permette di applicare lo studio ecografico di un organo, un apparato o un distretto anatomico, non solo da un punto di vista morfologico-strutturale, ma anche vascolare.

Essa associa all’enorme vantaggio offerto dalla ecografia, soprattutto in termini di non-invasività, accuratezza e semplicità di esecuzione, la possibilità di effettuare un dettagliato studio vascolare dell’organo in esame aumentando l’efficacia diagnostica dell’esame stesso. 

La recente introduzione dell’effetto “power” ha reso tale tecnica ancora più efficace e veloce, permettendo l’identificazione e lo studio di distretti vascolari piccoli e/o di difficile reperimento.
L’ecocolorpowerdoppler è particolarmente efficace in campo andrologico soprattutto per quanto riguarda le patologie scrotali (varicocele, torsione del funicolo spermatico, ischemia testicolare), 
e peniene (Induratio Penis Plastica, disfunzioni erettili). 

L’ecocolordoppler penieno dinamico con effetto “power” permette di effettuare uno studio diagnostico efficace e non invasivo del pene.
Le sue indicazioni sono principalmente l’individuazione e lo studio di placche indurative 
fibro-calcifiche nella “Induratio Penis Plastica” o malattia di La Peyronie e il loro controllo nel tempo dopo terapia medica o chirurgica e le disfunzioni erettili per quanto attiene alla valutazione 
del distretto vascolare penieno.

L’esame consta di due fasi:

PRIMA FASE
Con il pene in stato di flaccidità, durante la quale si studia la struttura 
e la morfologia del corpo spongioso uretrale, dei corpi cavernosi e delle fasce di rivestimento;

SECONDA FASE

Effettuata dopo iniezione intracavernosa di farmaci vasoattivi (soprattutto PGE1) che stimolando l’erezione rendono possibile uno studio vascolare di tipo funzionale, 
“dinamico” appunto.

Dopo l’iniezione intracavernosa vengono eseguite misurazioni, seriate nel tempo, delle velocità di flusso nelle arterie cavernose e, nella fase terminale dell’esame, dopo circa trenta minuti dall’iniezione, viene valutata la competenza del meccanismo veno-occlusivo fondamentale per un efficace mantenimento nel tempo dell’erezione.


L’effetto “power” permette una visualizzazione non solo più accurata delle arterie cavernose e delle loro piccole diramazioni (arterie elicine), ma anche più veloce a tutto vantaggio del confort del paziente.