• 1
Domenica, Settembre 24, 2017
Text Size

Inquinamento ambientale e fertilità

fertilitaAumenta l'inquinamento ambientale,
diminuisce così la fertilità dei maschi…


La relazione negativa è stata confermata
in un interessante lavoro presentato al
XXXI Congresso Nazionale della Società
Italiana di Andrologia, che si è svolto
pochi giorni fa a Napoli.!


Un gruppo di ricercatori campani, guidato da Luigi Montano con la partecipazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR); dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione (ISA) e dell’Istituto per il Sistema Produzione Animale in Ambiente Mediterraneo (ISPAAM), ha confermato evidenze epidemiologiche, già in parte conosciute, stabilendo una precisa correlazione inversa tra fertilità maschile, accumulo di un marcatore di danno del DNA (la proteina p53), a livello del liquido seminale, ed inquinamento ambientale.


Leggi tutto...

Tumori: nuova combinazione di farmici

ricercatoreUna combinazione di farmaci
sembra essersi dimostrata efficace
contro il tumore del colon-retto.


L'associazione dei farmaci bevacizumab-FOLFOXIRI ha aumentato la sopravvivenza dei pazienti affetti da carcinoma al colon-retto rispetto alla combinazione bevacizumab-FOLFIRI. Questi i risultati piu' aggiornati dello studio italiano "Tribe" e dello studio "Calgb/Swog 80405", presentati in occasionde del congresso dell'American Society of Clinical Oncology a Chicago.


Leggi tutto...

Antibiotici meno efficaci?

antibioticiGli antibiotici comunemente utilizzati
per le infezioni delle vie urinarie
sono meno efficaci degli altri?


Le donne più anziane trattate con nitrofurantoina per infezioni del tratto urinario (UTI) avevano più alti tassi di fallimento del trattamento rispetto ai gruppi che hanno ricevuto altri tipi di antibiotici di prima linea; questo secondo uno studio condotto da Namisha Singh, della Divisione di Nefrologia, Dipartimento di Medicina, Western University, Londra , Ontario, Canada, e colleghi, pubblicato On-Line il 27 aprile 2015, nel Canadian Medical Association Journal.


Leggi tutto...

BPH sintomatica ed eventi cardiovascolari

evento cardiovascolareI pazienti con BPH sintomatica sembrano
essere a maggior rischio
per gli eventi cardiovascolari


Gli uomini con LUTS di grado moderato-severi
ed iperplasia prostatica benigna (BPH) possono
essere ad aumentato rischio di malattia
cardiovascolare (CVD), come suggerito
da una nuova ricerca italiana.


"La scoperta più importante di questo studio è che, in una coorte di pazienti con LUTS da moderato a grave, è stata osservata una probabilità cinque volte superiore di avere un rischio di malattia cardiovascolare del 10% o più. In altre parole, questi i pazienti possono subire eventi cardiovascolari maggiori nei successivi dieci anni", ha scritto l'autore dello studio, in un’e-mail a Reuters Health. Il Dr. Mike Kirby del Prostate Center a Londra, Regno Unito, è d'accordo.


Leggi tutto...

Un robot in sala operatoria

robot 1Attualmente impiegato
nel Reparto Urologia
del Policlinico Sant'Orsola
di Bologna.


Dopo lunghe attese è arrivato il robot in sala operatoria al policlinico Sant’Orsola, il primo in città e il terzo in regione. Al momento viene usato per le patologie urologiche, ma sarà utilizzato per altre operazioni (ad ottobre si parte con la ginecologia), garantendo una degenza, un recupero e un ritorno alla vita normale molto più veloce che con le tecniche tradizionali. Grazie al robot, la permanenza in ospedale passerà infatti da otto a circa quattro giorni, il recupero da mesi a settimane e il ritorno all’attività sessuale sarà più breve. «Una svolta », dice Domenico Martorana, primario di Urologia al policlinico.


Leggi tutto...